La costruzione della schema ESeC a partire da ISCO-08

Nelle scienze sociali europee, la maggior parte degli studiosi che utilizzano uno schema di classe per classificare le occupazioni fa riferimento allo European Socio-economic Classification (ESeC).  Per costruire tale schema è necessario disporre di informazioni sull’occupazione degli individui, codificate almeno al terzo digit della classificazione internazionale delle occupazioni (ISCO-88) e sulla loro relazione di impiego. Attualmente è disponibile una tavola di derivazione della scala a partire da queste due informazioni elementari.

Nel 2008, a distanza di vent’anni dalla precedente edizione, l’Ufficio internazionale del lavoro (ILO) ha varato la nuova classificazione internazionale delle professioni, denominata ISCO-08. I lavori di revisione non hanno modificato né i principi classificatori utilizzati, né i grandi gruppi professionali previsti, ma hanno ridisegnato parte dell’impianto per accogliere le professioni emergenti, in particolare quelle interessate dall’impatto delle nuove tecnologie informatiche e della comunicazione, e ridimensionare le aree professionali in esaurimento o soggette a drastiche riduzioni. Ad oggi non è disponibile una tavola di derivazione dello schema di classe ESeC che tenga conto dell’aggiornamento di tale informazione elementare. Da qui l’obiettivo del progetto di ricerca. Per validare la nuova matrice di conversione si farà riferimento all’Indagine sulle condizioni di vita delle famiglie trentine (2005) che, attraverso due domande aperte, ha rilevato la descrizione dettaglia delle occupazioni e delle mansioni di un campione rappresentativo della popolazione trentina occupata.

Date: Dal 2015 al 2016

Persone