Conciliare lavoro retribuito e responsabilità familiari: il ruolo dei "voucher di servizio" nella Provincia Autonoma di Trento

“Buoni di Servizio” è un programma introdotto dalla Provincia di Trento e Fondo Sociale Europeo che mira ad aiutare alle donne a conciliare le responsabilità lavorative e familiari. E’ stato introdotto per alleviare l’onere finanziario delle famiglie ammissibili e permettere alle madri di partecipare al mercato del lavoro.   In particolare, l’aiuto finanziario è offerto in forma di buono spendibile nei servizi secondari per l’infanzia, dedicato ai minori con età fino a 16 anni (18 per i bambini con disabilità comprovata). La ricerca dell’IRVAPP è stata condotta con l’obiettivo di far luce sull’efficacia dei buoni nel promuovere la partecipazione femminile al mercato di lavoro  e favorire migliori possibilità lavorative  in termini di retribuzione e opportunità di lavorare a tempo pieno. Il primo studio condotto da IRVAPP analizza i dati amministrativi estratti dai registri dei beneficiari e fornisce le prime evidenze che alcune delle regole di ammissibilità del programma definite in fase di attuazione potrebbero aver ostacolato potenziali effetti positivi in termini di riconciliazione femminile tra il lavoro e le responsabilità famigliari. Dopo aver preso visione del IRVAPP progress report del 2010, la Provincia di Trento nel marzo 2011 ha ufficialmente deliberato la modifica delle norme di ammissibilità, mantenendo le donne lavoratrici e i genitori single come gli unici beneficiari della politica. Durante la seconda fase del progetto, IRVAPP ha monitorato i beneficiari, integrando i dati amministrativi con i dati dalle altre fonti, con lo scopo di informare i policy maker sulle eventuali nuove dinamiche di impiego dei beneficiari, indotte dalle modifiche nelle condizioni di ammissibilità al programma.

Date: Dal 2009 al 2012

Persone